Non disponibile

Il disertore col testo di Jean Giono

Details:

Testo di: Jean Giono

Lingua: Italiano

Anno: 1966

168 pagine
33 tavole a colori applicate a mano; le illustrazioni sono su fogli semimobili
cm 35 x 23
Tiratura 2500 copie complessive; prima ed. di 1000 esemplari numerati
Carta vergata azzurra di Fabriano
Legatura in seta "Orient" nera con plancetta a colori e impressioni in oro
Il volume è stato stampato a Milano dallo stampatore Valerio Leschiera

Dettagli

Il primo libro d’arte dell’editore Franco Maria Ricci narra la straordinaria storia del pittore naïf Charles Frédéric Brun, detto il Disertore. L’oscuro imager francese, originario di Colmar, visse nella seconda metà dell’Ottocento vagabondando nelle valli del Vallese, fra Nendaz, Veysonnaz e altri villaggi, nel tentativo di sfuggire alla legge, passando dalla Francia all’Alta Savoia, entrando clandestinamente in Svizzera intorno al 1850. Senza mai parlare di sé, dipinse quadri religiosi e profani, barattandoli in cambio di beni alimentari di prima sussistenza come pane, formaggio e lardo, più raramente qualche soldo. Le sue opere, di cui circa un centinaio sono attualmente conservate in collezioni private, sono espressione di semplicità e di stile invariabile: madonne popolari, santi barbuti, presepi, sacre famiglie e storie leggendarie sono portate in vita da un vivace utilizzo del colore congiunto all’eleganza di ricchi elementi decorativi. La misteriosa storia di questo petit-maìtre viene raccontata dallo scrittore Jean Giono che si recò in Svizzera, nei luoghi in cui il Disertore sostò durante la sua fuga, ammirando i suoi quadri.

Ulteriori informazioni

Autori Jean Giono
Anno 1966
Lingua italiano